La Società è stata fondata il 28 Giugno 1951 con il nome di Società Italiana di Chimica Biologica.

Nel 1973 ha assunto il nome di Società Italiana di Biochimica (SIB).

Dal 1993 è stata riconosciuta come Ente Morale e dal luglio 1999 ha cambiato la denominazione in Società Italiana di Biochimica e Biologia Molecolare.

La Società è membro dei sottoelencati organismi internazionali:
FEBS: Federation of European Biochemical Societies
IUBMB: International Union of Biochemistry and Molecular Biology
EFB: European Federation of Biotechnology

Gli scopi della Società sono:

  1. promuovere e sostenere, nelle istituzioni universitarie e fuori di esse, la ricerca e la conoscenza nel campo della biochimica e della biologia molecolare intese come scienze che perseguono a livello molecolare l’indagine pura ed applicata nel mondo vivente;
  2. promuovere e sostenere la didattica della biochimica e della biologia molecolare nella scuola universitaria, pre-universitaria e post-universitaria, ed in ogni altra sede opportuna;
  3. favorire, anche mediante attività di studio, di documentazione e di divulgazione, lo sviluppo dell’innovazione tecnologica a base biochimica e biomolecolare e con esso, in un’unica intenzione, la tutela della vita e salute umana e dei beni ambientali;
  4. favorire la comunicazione scientifica, tra l’altro promuovendo e sostenendo varie forme di collaborazione a livello sia nazionale che internazionale, e l’organizzazione di congressi ed incontri;
  5. stabilire rapporti di collaborazione con altre Società scientifiche nazionali ed internazionali.

I soci SIB ricevono informazioni tempestive su convegni, corsi, seminari, borse di studio, stages. Possono, tramite la Società, divulgare informazioni su attività da loro promosse, entrare in circuiti nazionali e internazionali, ottenere finanziamenti per organizzare corsi e convegni.

L’iscrizione alla SIB è anche una opportunità per tutti i cultori di discipline biomediche che usano tecniche molecolari nei loro campi di applicazione.